Domande frequenti

/Domande frequenti

In linea di massima bisogna che la lettiera si decomponga prima di essere stoccata poiché il legno, e quindi anche i prodotti derivati, hanno lo svantaggio di avere un rapporto proporzionale carbonio/azoto di 100:1 che allunga i tempo di smaltimento.

Questo però non rappresenta un problema perché la quantità di sterco nelle nostre lettiere è ridotta perciò i pochi escrementi che rimangono sulla lettiera si saranno già decomposti fino al cambio seguente. Dopo la decomposizione si raggiunge un PH di 8,02, quasi neutro, abbiamo misurato recentemente questi valori in collaborazione con la facoltà di Ingegneria agraria dell’Università di Tulln in Bassa Austria.

Confronto: Per quanto riguarda la decomposizione la paglia ha per esempio, un rapporto che va dai 25:1 ai 30:1, valori di gran lunga più convenienti che garantiscono una decomposizione più rapida, d’altra parte però sussistono anche forti svantaggi ad esempio gli innumerevoli aspetti dannosi per la salute come muffe e funghi, che possono causare forti coliche, o anche ovviamente la polvere che può provocare problemi gravi alle vie respiratorie.

La paglia troppo lunga può causare un aumento incredibile della quantità di sterco mentre la paglia tritata o pressata se ingerita dal cavallo può causare ostruzioni faringee.

Sì, e possiamo confermarlo al 100% sulla base dell’accurato procedimento di produzione che si compone di diversi processi di depolverizzazione e un trattamento termico con temperature fino a 750° che privano il pellet delle polveri e dei batteri. Cosa molto più importante: questa lettiera è adatta ai soggetti allergici, ai cavalli e agli addetti alla manutenzione delle stalle.

La lettiera Premium AMECO a differenza di altri prodotti dispone di un’assorbenza particolarmente speciale.

Principalmente assorbe di gran lunga meglio della comune segatura, poiché questa dispone di una superficie levigata. Detta in cifre questa lettiera assorbe all’incirca il 200% in rapporto con il suo peso netto.

Tuttavia questo è soltanto uno degli aspetto, un altro punto fondamentale è la durata della prestazione di assorbenza.

L’assorbenza è stata ottimizzata con innumerevoli test di modo che, quando il cavallo urina, i liquidi filtrano nella lettiera, raggiungono lo strato più profondo della lettiera e poi vengono assorbiti dal basso verso l’alto. Secondo un consiglio del produttore, uno strato adeguato di lettiera si aggira intorno ai 15-20 cm di spessore, in modo da lasciare la superficie asciutta per evitare la formazione di ammoniaca e poter ottenere il miglior risultato possibile.

 

La proprietaria di una delle nostre scuderie partner ha provato recentemente diversi prodotti. Ha preso di volta in volta un secchio d’acqua riempito per metà, infine ha aggiunto pellet fino a che l’acqua non si è assorbita completamente. Con altri prodotti (come paglia, trucioli ecc…) il risultato è stato quello di una fanghiglia mentre con la nostra lettiera AMECO ha ottenuto una superficie asciutta.

 

La fabbrica produttrice del pellet per stalle AMECO si trova nel mezzo della stupenda regione delle foreste della Transilvania, nelle vicinanze di foreste incontaminate, cioè a Joseni, Harghita, Romania.

In questa zona c’è ancora una discreta presenza di legno, per cui non abbiamo nessun problema in fatto di approvvigionamento, in più la ricrescita di alberi è molto più rapida del disboscamento stesso.

AMECO Renewable Energy è un progetto faro europeo specializzato in prodotti naturali innovativi e sostenibili in legno e guidato da un’amministrazione svizzera/italiana.

Il nostro pellet viene prodotto con fibra di legno, nello specifico legno di abete rosso.

Per quanto riguarda la parte relativa alla coltivazione della foresta, questa viene esaminata per cui il disboscamento avviene in modo gli altri alberi possano crescere in maniera sana e forte.

Questa fibra di legno sottilissima deriva dal taglio di tavole di legno.

Il legno viene decorticato, sminuzzato, battuto e pressato, poi completamente depolverizzato, inumidito circa all’11% e imballato in balle da 20 kg l’una.

Un prodotto 100% naturale e sostenibile.

 

Fino ad oggi, che noi sappiamo, non è mai successo. Se dovesse succedere non c’è assolutamente nessun problema e nessunissima difficoltà perché le lettiere Premium AMECO sono fatte con un prodotto puro e naturale, paragonabile a un pezzo di corteccia o di legno.

 

La lettiera non deve fungere soltanto da letto ma deve anche soddisfare le corrette funzioni igieniche. Come molti studi hanno già dimostrato in maniera impressionante tutto dipende fortemente dalla routine di manutenzione della stalla.

I processi di trasformazione batterica si occupano che l’urina che si deposita sulla lettiera nel lungo periodo sviluppi un pungente odore di ammoniaca, questo non è fastidioso solo per le persone ma ad alti livelli è anche nocivo per i nostri cavalli. L’ammoniaca infatti irrita le vie respiratorie e contribuisce allo sviluppo di danni ai polmoni. Una delle caratteristiche più importanti è senza dubbio la capacità di assorbire l’umidità, l’assorbenza ha infatti un ruolo fondamentale nella prevenzione della formazione di muffe e ammoniaca. Spesso l’assorbenza viene rappresentata con il peso netto del truciolato, ma questo valore da solo non è significativo, perché il peso dipende dall’assorbenza. Nel caso del pellet da stalla AMECO l’assorbenza è ritardata, di conseguenza l’urina scorre prima verso il basso e poi viene assorbita. Così l’urina non entra quasi affatto in contatto con l’ossigeno e la formazione di ammoniaca non avviene. In più un buon pellet dovrebbe anche essere in buona parte senza polvere, perché anche la presenza costante di polvere può portare a disturbi delle vie respiratorie. La manutenzione giornaliera della lettiera deve essere pratica e semplice e naturalmente deve procurare i proprietari dei cavalli e al personale della stalla il meno lavoro possibile, per questo motivo è importante che la lettiera pulita si separi facilmente dagli escrementi dei cavalli.

Nella scelta della lettiera migliore si tengono in considerazione i rapporti di molti fattori ottimali, che spesso sono anche in contrasto. Assorbenza / Assorbimento, assenza di polveri, manutenzione semplice della lettiera, la possibilità di compostaggio e ultimo ma non meno importante il risparmio, cioè il consumo e i costi.

Se il gestore della stalla si attiene adeguatamente alle norme per l’uso messe a disposizione, allora avrà bisogno ogni anno per ogni cavallo circa 55 balle di prodotto.

Questo corrisponde solo a un terzo della quantità di cui avreste bisogno utilizzando dei trucioli. Abbiamo stimato questa quantità sulla base di valori empirici ma ovviamente può variare sia a seconda delle caratteristiche individuali del cavallo che delle persone.

Il miglior risultato con la lettiera AMECO si ottiene quando lo strato di lettiera misura almeno 15 cm o ancora meglio 20 cm. La quantità corretta per un box di 12 m² è di 8/9 balle di prodotto.

Potrebbe essere necessario utilizzarne di più se si nota che un bancale di 24 balle di prodotto si esaurisce velocemente, ma in questo modo con questo procedimento servirà meno pellet e si otterranno risultati migliori.

Adesso il procedimento:

Come prima cosa stendere nel box uno strato regolare dello spessore di 20 cm (circa 8/9 balle di prodotto per 12 m²)

Per i seguenti 12/14 giorni limitarsi a rimuovere lo sterco die cavalli dal box.

Non cercare o scavare in nessun caso nei punti bagnati della lettiera.

Dopo 12/14 giorni controllare dove si trovano i punti bagnati della lettiera, mettere il pellet della lettiera ancora asciutto da parte e rimuovere le zone bagnate. Questi punti possono presentare una colorazione che va dal rossiccio al rosso scuro, in questo caso la lettiera ha svolto il suo lavoro di assorbimento. Distribuire la lettiera asciutta che era stata messa da parte nei punti del box dove è stato rimosso il pellet bagnato e infine spargere altro prodotto fino a raggiungere uno spessore che si aggiri tra i 15 e i 20 cm.

La cosa essenziale è fare sempre attenzione che la parte superiore dello strato resti asciutta, ma questo dipende anche molto dal cavallo. Ognuno deve scoprire quando è il momento giusto per rimuovere il pellet bagnato. In nessun caso la lettiera va rimossa troppo presto, perché in questo modo si getterebbe via del pellet che potrebbe ancora assorbite molto causando uno spreco inutile.

Attenendosi a queste istruzioni per l’uso si potrà trarre un beneficio massimo dalla nostra lettiera per cavalli AMECO.

La cosa essenziale è fare sempre attenzione che la parte superiore dello strato resti asciutta, ma questo dipende anche molto dal cavallo. Ognuno deve scoprire quando è il momento giusto per rimuovere il pellet bagnato. In nessun caso la lettiera va rimossa troppo presto, perché in questo modo si getterebbe via del pellet che potrebbe ancora assorbite molto causando uno spreco inutile.

Attenendosi a queste istruzioni per l’uso si potrà trarre un beneficio massimo dalla nostra lettiera per cavalli AMECO.

 

Il consumo del pellet AMECO dipende principalmente dal giusto utilizzo del prodotto, ma anche ovviamente dal cavallo, dalla sua natura e dal suo tipo di allevamento.

Si tratta di un procedimento relativamente lungo strutturato in più fasi, brevemente si può dire che la lettiera viene prodotta tritando e compattando del legno di abete rosso. Poi il legno viene decorticato sottoposto a un trattamento termico fino a 750° e infine viene depolverato attraverso un processo di ventilazione e setacciatura. In tutto il processo si fa attenzione che la struttura del legno di abete roso acquisisca e mantenga una qualità stabile garantita.

La lettiera AMECO si conserva sempre bene perché le balle da 20 kg sono imballate in pellicole assolutamente impermeabili e molto resistenti. Questo imballaggio è concepito esclusivamente per l’immagazzinamento sul posto.